Federica

La mia storia è quella di Massimo Canonica e della sua avventura “Road to Mont Blanc”.

Questo evento si è svolto dal 01 lug 2019 al 21 lug 2019

La scoperta

Nell’autunno del 2017 Massimo ha accusato problemi digestivi, un’inaspettata perdita di peso, stanchezza e mal di schiena. Nel dicembre 2017 una TAC ha rivelato la presenza di un tumore al pancreas.

Questa è la mia storia

Per Massimo il concetto di tempo è molto importante. In questi anni si è concentrato sulla realizzazione di importanti progetti con il figlio. Li si può trovare in viaggio, in bicicletta, in volo su un piccolo aereo, a sciare, ad arrampicarsi, circondati da una natura sorprendente.

Massimo ha “ascoltato il suo corpo” e la diagnosi precoce gli ha permesso di affrontare prima l’intervento chirurgico e poi la terapia adiuvante. È ancora in cura e il suo atteggiamento nei confronti della vita gli sta rendendo tutto possibile.

L’impatto del tempo

Massimo si è rivolto alla nostra Fondazione nel 2019, dopo aver subito un intervento chirurgico che gli ha rimosso parte del pancreas. Stava cercando consigli per un secondo parere, dato che stava ricevendo una chemioterapia adiuvante. Mi ha stupito la sua conoscenza della malattia, ma soprattutto mi ha colpito il suo modo di affrontarla. Massimo è una persona molto attiva, fa molto sport (palestra, bicicletta, sci, escursioni, arrampicate), segue una dieta corretta, ha un supporto psicologico, ha parlato con molti specialisti del tumore al pancreas in Italia e all’estero. Seguendo il suo percorso, siamo diventati ottimi amici! Nel luglio 2019, Massimo e i suoi amici hanno deciso di scalare il Monte Bianco (versante italiano e francese, in 5 tappe diverse) per creare consapevolezza sul cancro al pancreas.

Il 21 luglio, Massimo e il suo equipaggio hanno raggiunto il Refuge du Goûter a 3815 metri, portando a termine con successo il suo impegnativo sogno.